Home Aziende Eventi Mercatini OffroLavoro CercoLavoro Ass.Produttori Ass.Consumatori GruppiD'Acquisto

Ciao a tutti,

vi aggiorno sui progressi del progetto della Moneta Locale.

Vi faccio un breve riassunto in modo che anche i nuovi iscritti sappiano di cosa stiamo parlando, ovviamente non spiegher˜ il progetto per intero, ma se qualcuno vorrˆ saperne di pi mi contatti senza problemi.
Il fenomeno delle Monete Locali (di seguito M.L.)  diffuso da tempo in tutto il mondo, ne esistono centinaia, forse migliaia, nella sola Germania ci sono chi dice 30 chi 50 M. L.. Le M.L. sono complementari e non alternative alla moneta ufficiale, nel nostro caso l'Euro.
Le M.L. sono denaro che non genera debito, come invece fanno le monete ufficiali, per la spiegazione di questa affermazione rivolgetevi a me.

A cosa servono le Monete Locali? A dare maggior potere d'acquisto alle famiglie, ad aiutare soprattutto le piccole e medie aziende, soprattutto quelle vicine al territorio in cui si abita.
La M.L. del nostro progetto si chiamerˆ "Italica". Il progetto Italica prevede 3 cose fondamentali: 1) dare maggior potere d'acquisto alle famiglie; 2) finanziare le aziende con finanziamenti senza interessi in modo da sganciarle dal sistema bancario; 3) finanziare le famiglie con finanziamenti senza interessi in modo da sganciarle dal sistema bancario.
Perch finanziamenti senza interessi?
Perch i soldi degli interessi "non esistono", l'esistenza degli interessi nei prestiti genera il "debito infinito", per tanti che riescono ad estinguere il proprio debito obbligatoriamente e matematicamente altri sono costretti a fallire. La causa delle crisi ricorrenti (compresa l'attuale crisi mondiale che stiamo vivendo) in questo sistema economico  proprio causato dagli interessi e dal "denaro a debito", di cui ho detto sopra.
Per ulteriori spiegazioni su queste affermazioni, che per alcuni potranno sembrare assolutamente folli, rivolgetemi a me. Ricordatevi solo che queste "cose" le stanno dicendo da anni grandi economisti a livello mondiale.

Il nostro progetto prevede quanto segue:
1) creiamo un'Associazione di tipo culturale-ONLUS, abbiamo giˆ preparato lo statuto dell'Associazione, che chiameremo "Italica";

2) i soci saranno sia consumatori che aziende (produttori, commercianti, artigiani, industriali, professionisti, ecc...);

3) tutti i soci verseranno una quota associativa annua per coprire le spese dell'Associazione Italica;

4) i soci consumatori riceveranno gratuitamente l'Italica nella misura che riterranno sufficiente per il proprio fabbisogno con una cadenza pi o meno mensile; un'Italica varrˆ un euro;

5) quando i soci faranno la spesa presso le aziende associate, queste accetteranno anche l'Italica in parziale pagamento, per esempio: 70% euro e 30% Italica. Le aziende rilasceranno uno scontrino od una fattura pari solo agli euro incassati, in pratica fiscalmente la cosa equivarrˆ a fare uno sconto del 30% ai propri clienti;

6) sia le aziende associate sia noi dell'Associazione Italica opereremo affinch entrino nell'Associazione anche le aziende fornitrici di quelle che vendono ai consumatori, in modo che anche le aziende potranno spendere l'Italica, facendola in tal modo circolare come una vera moneta. Le aziende tra di loro si faranno una fattura pari agli euro incassati, quindi anche tra di loro si faranno una sconto del 30%; ufficialmente l'Italica verrˆ chiamata Buono Locale di Solidarietˆ (BLS) e sarˆ a tutti gli effetti uno Sconto ChE Cammina (SCEC);

7) i soci consumatori, che ritireranno l'Italica mensilmente, potranno firmare un "patto di solidarietˆ" con le aziende; in questo patto i consumatori si impegnano a finanziare le aziende con finanziamenti senza interessi in modo da sganciarle dal sistema bancario, le aziende si impegnano ad accettare in pagamento per le proprie merci vendute una quota del 30% in M.L.;

8) le modalitˆ di quello che vi dir˜ ora ve le spiegher˜ successivamente: il consumatore, che avrˆ firmato il patto di solidarietˆ, quando ritirerˆ l'Italica verserˆ su un proprio conto (che rimarrˆ sempre di sua proprietˆ) il 50% dell'Italica ricevuta (es.: ritiro 100 Italica e verso sul mio conto euro 50), tutti i soldi versati su questi conti verranno utilizzati per finanziare senza interessi le aziende e successivamente anche le famiglie. Le modalitˆ con cui effettueremo i finanziamenti ve lo spiegher˜ in seguito. Quando il progetto si sarˆ sufficientemente sviluppato avremo migliaia di aziende e decine di migliaia di famiglie che non pagheranno pi interessi;

9) daremo vita ad un giornale che inizialmente conterrˆ l'elenco aggiornato delle aziende presso le quali potremo fare la spesa. Su questo giornale cominceremo da subito a pubblicare notizie "vere" e non quelle taroccate che leggiamo sui giornali, che pubblicano informazioni che fanno gli interessi economici e politici dei loro editori/proprietari, faremo vera informazione. Cercheremo anche di sviluppare una cultura della "qualitˆ" e non della "quantitˆ" (leggi "decrescita"), non un consumismo sfrenato, ma un consumo pi consapevole e rispettoso dell'ambiente in cui viviamo e di riflesso del mondo intero. Non mi dilungo oltre perch l'argomento  sterminato. Creeremo un vero e proprio ufficio stampa a cui tutti potranno collaborare.

Per ora mi fermo qui,  chiaro che il progetto  molto pi esteso,  un progetto che mira a proporre un nuovo modello di societˆ, ma non pi imposto dall'alto dai soliti "pochi", ma un progetto che risentirˆ del contributo di tutti voi.

Se riesco cercher˜ di completare l'esposizione del progetto con un contributo settimanale.

Ciao a tutti Casimiro Fumagalli tel. 02/80582081 - 8051896 cell. 338/4556883 e-mail: fumagalli@mondobiologicoitaliano.it